Fetovaia


Onde ruggenti alla scogliera
-Canto d’amore del Mare alla Terra-.
E la pineta partorisce giganti,
grigioverdi colonne resinose;
vive, come memorie, odorose,
smisurate, salmastre e pungenti.
Bianchi grani sparigliati al sole
Carezzati lievi da acque turchesi. 
Spuma, orme, voci, visi, vento, 
come da un sogno stanno chiamando.
Sì, chiamano me! Io sto arrivando.

“Ma dalla roccia Fetovaia sorgeva come un mostro, una grande nuvola fosca.»
	(Gabriele D'Annunzio, Le faville del maglio)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...