Ventotene

 
  


Odore selvatico,
di quasi vaniglia
penetrante, dolciastro 
odore di Maggio.

Punta Eolo
sul sentiero,
serale e straziata
una voce di berta.
Tra la brezza marina 
e il lucore di stelle, due sguardi
brillano senza esegesi.
Notte spesa a parlare
di rose e di spine.
Immoti sul mare galleggiano
esili petali neri.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...