Tra polvere e terra

Acciaiosi anni 
di tempeste, di fame d’aria
e scienze incerte. 
Anni di oltraggiosi silenzi,
di serafici rapaci.
Il dubbio mi è compagno
e, come se il pensiero avesse
vita in questa sera, qui,
supino fra le viole, fatico
a dare senso alle parole.

Metalliche parole
solo voci di coturnici:
un vuoto affabulare.
Suoni lontani che il vento spande,
come passi tra polvere e terra.

È tempo di ascoltare,
tentare di capire, quasi fiutare
il filo di un odore, quasi intuire
quel sogno che l’anziano può sognare,
quasi mirare la visione
che il bambino può inverare.
viola selvatica

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...