I giorni della merla

Quando cadeva la neve
E il freddo rabbruscava le guance,
la strada allora campo di battaglia,
il vento un nemico,
la trincea il bar di Angelino.
-Respira col naso ché t’ammali-
mi esortava "il ragazzo del ‘99".
Quando cadeva la neve 
e la vita sapeva di pepe
e mandarini, di mandorle e miele.
Sapeva di frittelle il Natale.
Dei tozzetti di mia nonna.

Erano i giorni della merla.
Tutto bianco, tutto pulito.
Sguardi, pensieri, azioni e parole.
Tutto bianco, tutto pulito
come il fiocco sulle mie guance.
Quando cadeva la neve.
neve

2 commenti

  1. Quel ragazzo… Oggi sarebbe orgoglioso! Ricordo Ancora il profumo degli sciusci pastella e uvetta fritti, che ricordano il natale, i natali della nostra fanciullezza.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...